Iniziare a fare attività fisica. Abbiamo dei consigli per te

Fare movimento e combattere la sedentarietà sono due obiettivi che ciascuno dovrebbe porsi, spesso però al desiderio di essere fisicamente più attivi si contrappongono alcune difficoltà come il tempo e il riconoscimento di un’attività che sia non solo adatta alle proprie esigenze, ma anche piacevole e fattibile. Come fare dunque?

Attraverso questi consigli ti sarà possibile impostare un VERO piano d’azione per iniziare. Vediamo di cosa si tratta!

 

1. Non è mai troppo tardi per fare movimento. Chiunque può iniziare a dedicarsi all’attività fisica, l’obiettivo non è diventare degli atleti, ma fare un po’ di più rispetto a ciò che si fa.

2. Ridurre la sedentarietà è il primo passo, alla portata di tutti. Occorre entrare nell’ottica di trovare i modi per muoversi di più nella quotidianità. Qualche esempio? Salire le scale a piedi al posto di usare ascensore o scale mobili; parcheggiare un po’ più lontano e fare un tratto a piedi; nell’attesa di un tram, di un autobus o della metropolitana muoversi passeggiando avanti e indietro anziché aspettare stando fermi. Possono sembrare piccolezze, ma gli studi scientifici dimostrano che anche queste attenzioni quotidiane concorrono al benessere del nostro organismo.

3. Quantificare l’attività fisica. Difficilmente siamo in grado di quantificare il movimento che eseguiamo ogni giorno, è utile invece esserne consapevoli. Per farlo, si può compilare un diario giornaliero o utilizzare strumenti ad hoc (accelerometro, contapassi). Una volta quantificata, oltre alla spinta motivazionale che si riceve quando si vedono nero su bianco i risultati raggiunti, si può decidere di aumentare GRADUALMENTE l’attività fisica.

4. Scegliere un’attività aerobica strutturata, piacevole e fattibile. Ci riferiamo a un’attività pianificata (almeno mezz’ora al giorno) che comporti una certa fatica; nello sceglierla è importante che piaccia e che sia realistica con il proprio stile di vita. Il piano deve essere fattibile e magari variabile, per cui nei mesi più caldi si può scegliere di camminare al parco, se piove di dedicarsi alla cyclette e nei weekend si può trovare il tempo, se si ama nuotare, di andare in piscina. Ciascuno deve cercare di individuare ciò che è nelle sue corde e nelle sue possibilità, introdurre delle novità aiuta a non annoiarsi.

 

5. Concediti il giusto tempo di recupero. Alcuni, spinti dalla voglia di ottenere risultati in minor tempo, si spingono al massimo delle loro possibilità. Evitare questi eccessi assume un’importanza cruciale, al pari della costanza nell’esercizio. Concedi al tuo corpo il giusto tempo di recupero tra le varie sessioni di allenamento, anche se la tua testa ti dice di continuare. Potresti non essere in grado di allenarti domani ma potrai farlo molto presto.

6. Trovare un compagno di fatica. C’è chi trova motivante allenarsi in compagnia. Si può dedicare parte della pausa pranzo a camminare con un collega, o chiedere a un amico di venire a nuotare con noi o trovare qualcuno in famiglia con cui alternarsi sulla cyclette.

 

7. Fare una gara con se stessi. Non tutti amano competere con gli altri, farlo con se stessi però è importante: ci si pone un dato obiettivo e una volta che lo si è raggiunto si prova ad alzare un po’ il livello.

8. Gratificarsi. Una volta raggiunto un obiettivo ci si può fare un bel regalo: quel paio di scarpe che piacciono, un weekend fuori, un accessorio desiderato. Anche in questo caso ciascuno ha la sua lista personale!

9. Tenere la mente impegnata. Nel caso in cui sembri che il tempo dedicato all’attività fisica non passi mai può essere di aiuto tenere la mente impegnata e distrarla così dallo scorrere dei minuti. C’è chi sceglie di ascoltare la musica, chi pensa positivo o fa progetti per il futuro, chi guarda la tv mentre pedala sulla cyclette.

10. Monitorare l’attività fisica. Soprattutto chi si dedica a un’attività strutturata dovrebbe verificare che l’esercizio che sta facendo sia in linea con le indicazioni ricevute. È poi importante tenere nota di tutte le volte in cui ci si allena e il tempo che si è dedicato.

 

11. Rivolgersi al medico per stabilire un obiettivo. Soprattutto per pianificare un’attività fisica strutturata è fondamentale rivolgersi a un medico per verificare il proprio stato di salute, per scegliere insieme l’attività migliore per raggiungere l’obiettivo che ci si è posti e per avere una prescrizione corretta dell’esercizio da eseguire.

12. Prestare attenzione allo stile di vita. L’attività fisica fa molto, ma associata a un’alimentazione sana, bere acqua e non fumare, darà risultati ancora maggiori.

 

Conclusioni

Prima di iniziare una qualsiasi pratica sportiva, sia essa per il benessere fisico oppure per agonismo, è necessario sottoporsi a semplici e veloci esami medico-clinici che forniranno un quadro generale dello stato di salute. 

Con CupSubito può prenotare tutte le visite ed analisi cliniche di cui hai bisogno. Ricerca la disponibilità presso uno dei nostri partner, trovi i link qua sotto!

CERTIFICAZIONE IDONEITÀ SPORTIVA NON AGONISTICA - VISITA CON ECG A RIPOSO>>

CERTIFICAZIONE IDONEITÀ SPORTIVA NON AGONISTICA OVER 40 CON ECG SOTTO SFORZO CON CICLOERGOMETRO>>

CERTIFICAZIONE IDONEITÀ SPORTIVA NON AGONISTICA UNDER 40 CON ECG SOTTO SFORZO CON SCALINO>>

ELETTROCARDIOGRAMMA>>

ELETTROCARDIOGRAMMA SOTTO SFORZO>>

ANALISI DEL SANGUE- IL PACCHETTO DELLO SPORTIVO>>

In alternativa se hai bisogno di analisi specifiche:

L'emocromo mette in luce anemie, infezioni ed eventuali altre malattie del sangue. Ricerca disponibilità>>

La VES può indicare la presenza di una infiammazione.  Ricerca disponibilità>>

La glicemia rvela lo stato del metabolismo degli zuccheri e la loro concentrazione nel sangue.  Ricerca disponibilità>>

La creatinemia e azotemia valutano lo stato di funzionalità renale.  Ricerca disponibilità>>

I valori della concentrazione di trigliceridi e colesterolo sono importanti per una valutazione sul rischio di malattie cardiovascolari.  Ricerca disponibilità>>

Le transaminasi, la bilirubina e la gamma GT sono importanti per valutare eventuali malattie al fegato e relative infezioni.  Ricerca disponibilità>>

 

Comments powered by CComment

 

info@cupsubito.it
Back to Top